Recensioni

OLYRIX - MACBETH - LIEGE 2018

Le Banco de Giacomo Prestia est simplement magnifique et sonore: voix de basse dite de bronze, au grain profond, mordoré.

CRESCENDO MAGAZINE - MACBETH - LIEGE 2018

L’ami Banco est vite hors de course, mais ses interventions, dont son air splendide, ont bénéficié de la magnifique voix de la basse florentine Giacomo Prestia, d’une indéniable présence.

OPERAMAGAZINE.NL - MACBETH - LIEGE 2018

Il ruolo di Banco è stato superbamente cantato da Giacomo Prestia. La sua voce impressionante ha fatto desiderare che il ruolo durasse più a lungo. Ma no, a metà del secondo atto, Banco viene ucciso dalla coppia Macbeth.

LE SOIR - MACBETH- LIEGE 2018

Vocalement la distribution est splendide. Le timbre somptueux de Giacomo Prestia sert aussi bien la fidélité que le doute et la peur chez ce soldat fidèle.

OPERACLICK - LA GIOCONDA - PIACENZA 2018

Di grande carisma l’Alvise Badoero di Giacomo Prestia, bravissimo a rendere il freddo crescere della sua rabbia nel duetto con la moglie.

TEATRI DELL′EST - LA GIOCONDA - PIACENZA 2018

Autorevolezza che non manca certo all’Alvise Badoero di nobile statura impersonato con sicurezza da Giacomo Prestia il quale in scena si impone specie nel terzo atto, prima nell’aria e quindi nel duetto con Laura, uno dei momenti più drammatici, pur nella marcata ironia, di tutta l’opera

PIACENZA SERA - LA GIOCONDA - PIACENZA 2018

Capacità scenica ed interpretativa da parte del basso Giacomo Prestia in un Alvise Badoer dalla notevole padronanza scenica.

ENRICO STINCHELLI - LA GIOCONDA - PIACENZA 2018

Tonante, con voce “nera” come deve essere, il Badoero di Giacomo Prestìa, che in moltissime frasi ricorda il suo conterraneo Giulio Neri

IERI OGGI DOMANI OPERA - RIGOLETTO - PARMA 2018

Lo Sparafucile di Giacomo Prestia è degno di grande considerazione. Il personaggio è reso in maniera assai credibile in ogni sua sfaccettatura e la solidità vocale, tecnica e interpretativa dell’interprete è confermata così come la bellezza del timbro.

CONNESSI ALL′OPERA - RIGOLETTO - PARMA 2018

Giacomo Prestia fa valere tutta la sua esperienza nel delineare uno Sparafucile asciutto e incisivo, pregevole per brunitura timbrica e presenza scenica.

THE BLOG ART POST - RIGOLETTO - PARMA 2018

Ottimo lo Sparafucile di Giacomo Prestia, con un fedele m’avrà e un buonanotte, del terzo atto, pieni e scuri, una vera rarità negli ultimi anni, visti i molti Sparafucile con voce inesistente nelle note basse.

GAZZETTA DI PARMA - RIGOLETTO - PARMA 2018

Giacomo Prestia , Voto: 9

La sua esperienza si sente nell’ interpretazione del borgognone, sicario di professione: personalità, autorevolezza, presenza scenica, voce da basso profondo che non ha problemi a intonare il fa grave nel duetto con Rigoletto. Pare un peccato averlo avuto a Parma per un ruolo così piccolo. Sarà per la prossima volta…

OPERACLICK - RIGOLETTO - PARMA 2018

Di gran lusso lo Sparafucile di Giacomo Prestia. Il basso canta in modo sobrio, senza indulgere in facili effetti, puntando esclusivamente sulla bellezza del suo timbro vocale. Crea così la figura di un Passator cortese ante litteram: brutale assassino ma rispettoso del suo personalissimo codice d’onore “Qual altro cliente da me fu tradito? Mi paga quest’uomo… fedele m’avrà

KLASSIK BEGEISTERT - CONCERTO DI CAPODANNO - PARMA 2017

E il quarto grande cantante, il basso fiorentino Giacomo Prestia, ispirava già alla prima aria – “La calunnia è un venticello” di Gioachino Rossini “Il barbiere di Siviglia” – con la sua voce fantastica e il suo grande senso dell’umorismo. Drammaticamente ha poi eseguito l’aria da “Macbeth” e insieme al baritono Enkhbat ha brillato nella splendida “Suoni la tromba” dei “I Puritani” di Vincenzo Bellini

ONLINE MERKER - DON CARLOS - BERLIN 2017

Der Italiener Giacomo Prestia verkörpert den ungeliebten Philipp II. mit mächtigem Bass, der ihn stante voce zum Mega-Großinquisitor qualifizieren würde und angeohrs dessen jeder Frau das graue Monarchenhaar schnuppe sein dürfte. Außer eben Elisabeth von Valois, die lieber Stiefsohn Carlo liebt. Trotz, oder gerade wegen Prestias Volumen hat man das “Ella giammai m’amò” selten so ergreifend gehört, mit einer Zerbrechlichkeit, die das Herz zerreißt. Traduzione: L’italiano Giacomo Prestia interpretava il non amato Filippo II con potente voce di basso anche adattabile ad un Mega-Grande Inquisitore e grazie alla quale ogni donna rimarrebbe attirata nonostante il suo “crin bianco”: tutte, esclusa Elisabetta di Valois, innamorata del figliastro Don Carlo. Ancora grazie alla presenza vocale di Prestia, raramente abbiamo ascoltato un “Ella giammai m’amò” così commovente, e capace di esprimere una fragilità che lacera il cuore.

GB OPERA - AIDA - BRUXELLES 2017

Pienamente positiva la prova vocale e scenica del solido Giacomo Prestia nel ruolo di Ramfis, il personaggio dotato anche del costume più interessante di tutta l’opera, con il braccio destro trasformato in un inquietante artiglio bestiale.

UNINFONEWS - MEFISTOFELE - PISA 2016

Parlando di levatura artistica è d’obbligo iniziare dal protagonista, il basso Giacomo Prestia, al suo debutto nel ruolo di Mefistofele. Prestia si è accostato al personaggio con notevole sensibilità artistica penetrandone la fine ed enigmatica psicologia, portando in scena un demone astuto, beffardo, anche ironico se vogliamo. Questa intensa caratterizzazione è filtrata anche nella voce: la splendida vocalità del M° Prestia, dal timbro oscuro e corposo, si è ammantata di accenti melliflui e tentatori con un retrogusto ruvido, un po’ sauvage, grazie ai quali ogni nota penetra profondamente nello spettatore e rilascia vibrazioni possenti che alla fine della celeberrima Canzone del fischio hanno strappato al pubblico un applauso a scena aperta. Insomma, quanto di più mefistofelico si possa desiderare!

THE AGE - DON CARLOS - MELBOURNE 2015

Il Filippo di Giacomo Prestia è stato autoritario ma nello stesso tempo vulnerabile di fronte gli eventi.

THE AUSTRALIAN - DON CARLOS - MELBOURNE 2015

Il cupo, assediato Filippo, voce di basso ricca di Giacomo Prestia riflette l’illusione di autorità e la realtà di impotenza legato alle proprie regole: non amato, diffidente e manipolato da un confessore scaltro.

ARTES - MACBETH - LISBONA 2015

Tra i cantanti c’era un enorme Giacomo Prestia, Banco. Ha una voce e una scuola di vero interprete verdiano. Raramente ci lamentiamo così tanto del fatto che purtroppo Banco viene ucciso al secondo atto…. Tutto quanto e come cantò fu un vero regalo.

OPER AKTUELL - DON CARLOS - BERLIN 2015

Con autorità impressionante Giacomo Prestia, allestisce il Re Filippo II. Intransigentemente e terribilmente severo si presenta nella scena del giardino e durante l’Autodafé, rivela sua vulnerabilità nella grande aria, quando deve ammettere a se stesso, che la sua moglie non l’ha mai amato.

GBOPERA - SIMON BOCCANEGRA - VENEZIA 2014

Giacomo Prestia, gradevole voce di basso profondo, si è rivelato un Fiesco fiero e spietato, ma anche, alla fine, intenerito dal pentimento, sapendo aderire ad uno di quei mutamenti psicologici, che fanno la grandezza di Verdi.

OPERACLICK - SIMON BOCCANEGRA - VENEZIA 2014

Giacomo Prestia tratteggia un Fiesco dal fraseggiare nobilmente scultoreo, combattuto tra mille sentimenti contrastanti, possente nella cavata grave e morbido nell’ottava centrale.

OPERACLICK - AIDA - MACERATA 2014

Molto bene Giacomo Prestia come Ramfis, adeguatamente autorevole e di bella voce, oltre che scenicamente molto coinvolto.

OPERACLICK - LES TROYENS - MILANO 2014

Il Narbal di Giacomo Prestia convince appieno per autorevolezza.

OPERACLICK - SIMON BOCCANEGRA - PARMA 2013

Giacomo Prestia ha il colore scuro, solido e autorevole dell’autentico basso verdiano. Dopo la tremenda cupezza dell’aria del prologo, trova accenti solenni e colori morbidi nel duetto del primo atto in cui affida Amelia a Gabriele, e si abbandona a un’imponente desolazione nel duetto finale con Simone a cui, troppo tardi, può concedere il suo perdono.

OPERACLICK - I VESPRI SICILIANI - PARMA 2011

Ovazione per Giacomo Prestia dopo la sua bellissima «O tu Palermo»: un autentico basso verdiano per timbro, morbidezza dell’emissione, accento, fraseggio e dignità.